Ci segnalano un articolo abbastanza divertente su un uomo che sarebbe risorto dopo mesi. Il solo titolo ci fa sorridere, poi andiamo a leggere l’articolo e non ci fermiamo più:

Il risveglio dopo la morte è possibile? Alcuni casi avvenuti in passato ci dicono di si. Può succedere dopo poche ore, al massimo dopo qualche giorno, ma mai nessuno aveva superato il limite dei 3 mesi. Questo è il periodo di tempo trascorso da un uomo nella sua bara, ben 94 giorni passati in un totale stato di morte cerebrale, con la cessazione totale di ogni attività vitale e l’inizio del processo di decomposizione. Detta così sembrerebbe una delle tante bufale presenti in rete, eppure le foto non mentono, così come le dichiarazioni di importanti e autorevoli medici internazionali che, venendo a sapere dell’accaduto, si sono precipitati a Lima, in Perù, per analizzare le condizioni di salute dell’uomo (Alejandro Tanatos, 54 anni) e per capire come sia potuto risorgere. Perchè di resurrezione stiamo parlando, non di un semplice caso di morte apparente.

Ma facciamo un passo indietro. Tecnicamente Alejandro era morto in seguito a un arresto cardiaco. Da molti anni soffriva di cardiopatia ischemica e seguiva una terapia a base di acido acetilsalicilico ed eparina. Fino a 4 mesi fa aveva risposto più che bene. Giunta la stagione invernale nella sua città (che tra l’altro si trova a 1200 metri di altezza, nelle montagne) la sua salute ha cominciato a peggiorare. Il suo corpo (così disse il cardiologo ai familiari) non riusciva ad adattarsi al freddo (il freddo rallenta la circolazione, e se un soggetto è cardiopatico può avere gravi conseguenze). A nulla valse aumentare la dose dei farmaci, Alejandro una notte ebbe un infarto con conseguente arresto cardiaco. Non c’era nulla da fare, era morto. I familiari lo tennero 24 ore in casa, come da prassi, e dopo un giorno celebrarono le esequie. Trascorsi i 94 giorni dal funerale ecco verificarsi l’impossibile. Il custode del cimitero, come da lui stesso dichiarato, un giorno sentì dei colpi provenienti dalla bara (ci teniamo a sottolineare che per problemi di autorizzazioni legati al loculo, la bara non era ancora stata tumulata). Inizialmente si spaventò così chiamò subito la polizia. Insomma, quanto avvenuto dopo è ormai facile da intuire. Alejandro fu portato in ospedale, e i medici dichiararono che a livello viscerale stava bene. In altre parole, i suoi organi avevano ripreso a funzionare. Solo esternamente il suo corpo aveva realmente subito il processo di decomposizione, talmente tanto da farlo sembrare, come potete ben vedere dalle foto, come se fosse improvvisamente invecchiato di tantissimi anni. Ma come è potuto sopravvivere in questo modo?

L’articolo è divertente, non c’è dubbio. Ma rendiamoci conto, per un attimo, di quale possa essere il dettaglio che genera condivisione e interesse tra gli utenti. L’articolo viene condiviso sui social con l’immagine di un individuo che sembra veramente morto. Ovvero Alejandro Tanatos… (non a caso il viralizzatore ha usato come falso cognome il nome del dio greco della morte) ridotto ad uno zombie cinematografico da un misterioso incidente. La pelle dell’uomo è consumata e malridotta, proprio come quella di un morto.

Il “Giornale italiano” non è una testata giornalistica, e non viene aggiornato quotidianamente. Alcune delle notizie riportate potrebbero essere inesatte o inventate a scopo satirico, per far riflettere o semplicemente per divertire. Vogliate comunicarci se qualche contenuto presente nel sito turbi la vostra sensibilità, provvederemo a rimuoverlo o modificarlo. Va evidenziato, infatti, che le foto del presunto Alejandro sono rubate da un interessante portale che descrive i riti funebri dei Toraja, un popolo che vive sull’isola di Sulawes (Repubbica Indonesiana).

Ecco come si spiega l’immagine dell’uomo resuscitato

Il rito del Ma’Nene prevede che i cadaveri, a prescindere dal loro stato di conservazione (ove ridotti solo ad ossa, le stesse saranno avvolte in stoffe pregiate) vengano rivestiti, ripuliti e portati in parata per il paese, simulando una camminata in cui vengono tenuti ritti, in piedi.

Tutti gli abitanti del villaggio sono quindi invitati ad interagire coi cadaveri, toccandoli e, per il tramite del feticcio così ottenuto, chiedere la benedizione dei loro cari estinti per un altro anno. Le salme vengono poi nuovamente inumate, riportate nei loro luoghi di sepoltura con la certezza che gli spiriti degli antenati veglieranno con amore sui superstiti.

Un rito macabro che in un paese civilizzato non verrebbe mai posto in essere. Insomma, si tratta di riesumare cadaveri.

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: BUFALA VERIFICATA