Nelle ultime settimane si sentono sempre più ai telegiornali notizie di tentati furti nelle case degli italiani. Spesso sono reati che avvengono realmente, altre volte nascono sul web come bufale e riescono ad ottenere grandissimo seguito. Degno di approfondimento è quello accaduto recentemente a Torino. Quattro rom hanno provato ad introdursi in una casa nella zona residenziale di Grugliasco. I nomadi avevano già scavalcato la recinzione, ma sono stati intercettati e arrestati dai carabinieri dopo un rocambolesco inseguimento.

Un ottimo lavoro delle forze dell’ordine, si potrebbe pensare che la storia si concluda in questo modo. Così non è però. In rete sono cominciati a circolare aggiornamenti, lanciati da Il Giornale, secondo cui i rom sarebbero stati rilasciati e i carabinieri indagati. In seguito la notizia è stata ripresa da siti non accreditati come Zonacriticanews o Voxnews.

Di seguito vi proponiamo l’articolo tratto dal sito de Il Giornale: “Vi siete mai chiesti se in Italia è sufficiente essere sorpresi a scavalcare una recinzione armati di passamontagna, cacciaviti e altri oggetti da scasso per essere condannati da un giudice? Risposta negativa: non basta. O almeno non è bastato a una banda di quattro rom torinesi, colti sul fatto da una pattuglia di carabinieri mentre cercavano di mettere a segno un furto e poi gentilmente rimessi in libertà da un solerte magistrato.
Il 2 marzo scorso una squadra dell’Arma si trovava nella zona residenziale di Grugliasco, periferia industriale ad ovest del capoluogo piemontese. Mese difficile: l’area da giorni veniva saccheggiata dai topi da appartamento e i residenti lamentavano insicurezza. In questo contesto, i due militari vedono quattro nomadi sospetti su una vecchia Volvo. Si appostano e pizzicano uno dei rom scavalcare la recinzione di un complesso residenziale e “armeggiare con un cacciavite” vicino al portone. Scatta il blitz: la pattuglia accende l’auto e i fari, il “palo” se ne accorge e avverte il collega introdottosi nella residenza. Questi torna indietro, salgono entrambi in auto e si mettono in fuga insieme ai compari rimasti a bordo. Il bandito al volante fa inversione a U per sfuggire alla cattura. I carabinieri piazzano l’auto di traverso, scendono dalla gazzella con le armi in mano e intimano alla banda di fermarsi. L’autista mette “la prima” per tentare di investirli. Ma poi, viste le armi puntate contro, decide di desistere.
La storia potrebbe finire qui: la guardia cattura i presunti ladri e li porta in Questura. Punto. Ma i rom si trovano tre ottimi avvocati e così parte un processo che finirà col rivelarsi una farsa. Ieri infatti il giudice ha assolto i nomadi perché “il fatto non sussiste” e, secondo La Stampa, ha “disposto la trasmissione degli atti alla procura, perché proceda per falsa testimonianza nei confronti del maresciallo che aveva eseguito il fermo”. Tradotto: ladri liberi e carabinieri indagati.
Ovviamente la banda di rom ha fornito un’altra versione dei fatti. A loro dire si trovavano nella zona residenziale (dove non vivono) perché avevano “sbagliato strada”. Al resto hanno pensato i legali. I quali sono riusciti a convincere il giudice che dal punto in cui i militari avevano parcheggiato la gazzella sarebbe stato impossibile vedere cosa accadeva; che non erano stati rinvenuti segni di scasso sul portone (ma il reato contestato era solo “tentato furto”); che gli inquilini non avevano presentato denuncia (ma parte d’ufficio in questi casi) e che le versioni dei due carabinieri non collimano. Infine, si sono appigliati ad un errore commesso nel verbale, dove è scritto “messa la retromarcia cercano di investirci”, invece di “messa la prima (…)”. Lana caprina.
Come ha potuto appurare in esclusiva ilGiornale, però, i militari sono certi di aver fornito la stessa versione. Ma il giudice non gli ha creduto, preferendo dar credito a persone che in Aula avrebbero dichiarato di non fare furti in appartamento, ma “solo nelle ditte”. Capito? Ladri, ma credibili. E peraltro si tratta di una bugia, visto che risultano avere un precedente di polizia per furto in appartamento. A guardare i trascorsi giudiziari della banda si rimane di stucco: decine di condanne a testa e fascicoli di precedenti lunghi un chilometro. Solo qualche tempo prima, peraltro, ai rom sono stati sequestrati beni per circa 1,6 milioni di euro trovati all’interno del campo dove vivono.
Non basta? Durante il sopralluogo, le forze dell’ordine hanno trovato un cacciavite nel giardino della casa oggetto di attenzioni e nell’auto dei nomadi c’erano cappellini, passamontagna e altri arnesi da scasso. “Non bisogna disincentivare i carabinieri ad indagare – attacca Lia Staropoli, presidente dell’Associazione “ConDivisa” – ma disincentivare i criminalia delinquere”. E invece il maresciallo dovrà rispondere per falsa tesimonianza. Perché la parola di due servitori dello Stato non vale nulla. Quella di rom pluripregiudicati, invece sì”.

Sembra fin troppo strano che un giudice lasci liberi dei pregiudicati perché “il fatto non sussiste”, soprattutto dopo aver trovato sotto i sedili della loro Volvo vari attrezzi per lo scasso. Inoltre nonostante venga citata La Stampa come fonte di alcuni particolari della vicenda, sul sito del quotidiano questi non sono presenti. Dunque, potrebbe essere la solita notizia gonfiata per scatenare l’indignazione dei creduloni razzisti, sempre pronti a scagliarsi contro l’elemento diverso della propria comunità.

 

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: BUFALA VERIFICATA