Una gaffe, o forse un testo poco appropriato all’argomento quello della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli. Nei giorni scorsi, la ministra aveva rilasciato alcune dichiarazioni che hanno fatto scatenare la preoccupazioni di sindacati, associazioni e familiari di persone diversamente abili. In base alla legge 104 del 1992 che stabilisce chiaramente che le studentesse e gli studenti della scuola dell’obbligo debbano essere verificati in base agli obiettivi del Piano educativo individualizzato, la ministra aveva per l’appunto avanzato l’intenzione di adottare un piano di studi adeguato per i disabili.

Ed entra in discussione anche la licenza media

“Tutte le studentesse e gli studenti con disabilità saranno messi nelle condizioni di svolgere al meglio il proprio percorso di studi e di concluderlo sostenendo prove che attestino le loro specifiche competenze e abilità, in base al Piano educativo individualizzato, predisposto di proposito per loro”: queste le dichiarazioni rilasciate in un primo momento dalla Fedeli. Dichiarazioni che non hanno dato via ad una scia di consensi come immaginava la ministra. In molti sono insorti, a partire da associazioni e parenti dei ragazzi diversamente abili. Così, Fedeli ha provato a correggersi: “Voglio rassicurare famiglie, sindacati e associazioni. Il decreto attuativo sull’inclusione scolastica nasce dalla volontà e dalla determinazione di dare alle ragazze e ai ragazzi con disabilità pari opportunità formative e una qualità della vita all’altezza delle loro esigenze e dei loro sogni. Per questo le imprecisioni o le problematiche emerse verranno migliorate in ambito parlamentare. Abbiamo chiaro che la disabilità è ricchezza, non è qualcosa in meno ma una positiva diversità e la nostra azione sara’ improntata su questo principio cardine”.

In prima analisi, la notizia dell’ipotetico annullamento della licenza media per le persone diversamente abili poteva sembrare alquanto preoccupante. Qualcuno ha anche creduto si trattasse di una bufala, ma noi di Bufale Virali possiamo garantire sulla veridicità delle fonti. Tuttavia, poi, la Ministra Valeria Fedeli ha rassicurato tutti e il clima si è leggermente disteso.

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: NOTIZIA VERA