Abbiamo parlato spesso di bufale in cui gli extracomunitari sono protagonisti. Girando sui social ci siamo poi imbattuti in un’immagine che stava avendo un seguito clamoroso a suon di apprezzamenti e condvisioni: L’extracomunitario regolare, dopo aver fatto venire qui i congiunti, manda i familiari o il familiare ultra 65enne all’INPS. Qui l’interessato autocertifica l’assenza di reddito oppure dichiara la pensione minima nello stato di provenienza e il gioco e’ fatto. L’inps a quel punto eroga 395,6 euro al mese di assegno sociale piu’ 154,9 di importo aggiuntivo. In totale, 550,5 euro per 13 mensilita’, quindi 7.156 euro l’anno. Senza aver mai versato alcun contributo all’INPS

 

Allora gli italiani medi, potete immaginare, si sono scagliati contro questa enorme giustizia. C’è bisogno di fare chiarezza allora su questa foto acchiappaclick, basata sulla poca voglia di informarsi di chi naviga sul web e crede a qualsiasi cosa legga. Ecco quindi cosa bisogna davvero sapere sulla pensione: L’importo dell’assegno sociale è fondamentale per i cittadini stranieri perché stabilisce i parametri di reddito minimi previsti nelle richieste di ricongiungimento familiare o di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. In particolare si ricorda che:
– per la richiesta di ricongiungimento familiare il cittadino o la cittadina straniero/a può richiedere il nulla osta all’ingresso di uno o più familiari in base all’ art. 29 del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286, il Testo Unico Immigrazione, se dimostra di avere un reddito, pari almeno all’importo annuo dell’assegno sociale aumentato della sua metà per ogni persona da ricongiungere;
– Il cittadino straniero che chiede il rilascio del permesso CE soggiornanti di lungo periodo, ai sensi dell’art. 9 del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286, deve dimostrare un reddito pari all’importo dell’assegno sociale.

Per farla breve, non è sufficiente una semplice autocertificazione! Bisogna allora dimostrare con dati ufficiali di aver un reddito affidabile, così da provare
di non essere un peso per le tasche degli italiani.

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: DISINFORMAZIONE