Conoscete la storia del’immigrato castrato da un papà a cui è stata violentata la figlia? Una bufala già pubblicata il 13 luglio 2015 dal sito Senzacensura è stata ripresa adesso da globooggi e sta comunque ricevendo tantissime condivisioni. Tant’è che ce l’hanno segnalata per farcela verificare ancora una volta.  Due anni fa questo articolo superava le 40 mila condivisioni in meno di 24 ore. I bufalari di turno ci hanno riprovato, con lo stesso articolo del 2015:

Catania: Un immigrato marocchino violenta una bambina di 7 anni,il padre gli taglia le palle e gliele fa ingoiare.

Succede a Catania,un fatto che lascia nello sgomento più totale dove una povera bambina di 7 anni di nome Chiara viene violentata e abusata sessualmente da un giovane immigrato marocchino di 32 anni,l’episodio viene visto dagli occhi increduli del fratellino,Matteo di 12 anni,che impaurito corre a chiamare il padre.

Il padre dopo essere stato allarmato dal figlio corre e insegue il marocchino fino a prenderlo e a riempirlo di pugni e calci.

Il marocchino ormai distrutto e sfinito dalla furia del padre sviene e al suo risveglio trova i suoi testicoli tra le mani e,costretto dal padre della bambina abusata,le ingoia.

L’ambulanza arrivata in ritardo tenta di soccorrere l’immigrato ma dopo diverse ore di agonia muore per dissanguamento.

I carabinieri arrivati sul posto,arrestano il padre per omicidio colposo.

La bambina è rimasta sotto shock e non riesce più a parlare.

Questa è una delle tante notizie che ci affliggono giorno dopo giorno,ma io mi chiedo,se a quest’ora questo immigrato marocchino non avrebbe stuprato la ragazzina o ancora meglio se gli Italiani non accogliessero questa gente,lui non sarebbe ancora vivo?
A voi i commenti gente e meditiamo,meditiamo veramente tanto…

Siamo di fronte alla classica notizia che istiga all’odio nei confronti degli immigrati. Qui si parla addirittura di una vendetta violenta nei confronti del marocchino in questione. Il trucco è sempre lo stesso: pungere le persone nelle loro paure più insite e spingerle al clic e alla condivisione.

I bufalari di globooggi hanno anche scritto un titolo ingannevole, aggiungendo (FOTO) alla fine e spingendo a pensare che all’interno dell’articolo potesse esserci una foto che ritraesse l’atto violento e becero.

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: BUFALA VERIFICATA E TITOLO INGANNEVOLE