Noi di Bufale Virali ne abbiamo lette veramente di tutti i colori, ma quella della tassa sul gabinetto ci ha fatto veramente sorridere. Ovviamente, si tratta di una notizia ‘acchiappaclic’ che se postata come si deve su una pagina Facebook può generare un bel po’ di traffico. Il ‘Fatto Quotidaino’ ci ha ormai abituato a questo genere di notizie false. Ecco il contenuto dell’articolo:

Tasse. Ecco l’imposta sul gabinetto. 200 euro al mese se hai più di un bagno in casa.

Brutte notizie per chi ha più di un bagno in casa. Infatti, a partire dal prossimo 1 marzo, chi ha più di un gabinetto nella propria abitazione, dovrà pagare la bella cifra di 200 euro al mese. Lo dice l’Europa, in un progetto di legge che parla molto chiaro e che porta la firma anche del noto eurodeputato italiano Alvaro Porfido: ” “Secondo l’articolo 404 della Costituzione, il possessore di un bene fisico reiterato e replicato nello spazio di pochi metri quadri, dispone di un bene superfluo. Un bene superfluo, può e deve essere tassato adeguatamente, per il bene della comunità. In combinato disposto con l’art. 223, il gabinetto è oggetto reiterato in molte case del popolo italiano. Per questi motivi ne è decisa la tassazione, variabile a seconda dei redditi, a partire da data 1 marzo 2017“.

La legge finora ha suscitato fin troppe polemiche. Il presidente del comitato “Bagnolibero”, Andrea Scarega, parla di atto ingiustificato ed inutile, anche perché, dice: “Si tratto di un atto liberatorio, quello di andare in bagno, forse l’ultima cosa che ci è rimasta libera e legale in un mondo che tassa tutto e ora anche la m…a. Non è possibile andare avanti così, faremo ricorso!”. D’altronde nessuno sembra aver preso bene il provvedimento, il signor Mario Pansademale dice addirittura che butterà giù i suoi bagni in modo da non essere costretto a pagare questa dannosa e bizzara tassa. Insomma, non sappiamo quali saranno le altre reazioni, c’è da dire che da marzo, sarà meglio, forse, scendere in “campo”, come si dice in gergo tecnico, invece di usufruire della toilet casalinga.

Non c’è che dire: veramente una fantasia che farebbe invidia persino all’inventore di ‘Topolino’. A partire dal presidente del comitato ‘Bagnolibero’ fino al signor Pansademale, coi nomi si sono veramente divertiti. Mettiamo in guardia i lettori, però: non esiste alcuna tassa sul gabinetto.

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: BUFALA VERIFICATA