Appare sulla nostra home una notizia dal titolo: “La terza guerra mondiale scoppierà il 13 maggio”. Inquietante, molto inquietante. Allora il nostro occhio attento si fionda subito sulla fonte e s’accorge velocemente che era ‘Il Mattino’. Intanto, vi facciamo leggere l’articolo:

 

«La terza guerra mondiale esploderà entro il prossimo 13maggio». Questa è la previsione choc, che sta terreorizzando tutto il mondo, di un indovino. 

(Ecco che il titolo cambia appena apriamo il link)
Horacio VIllegas ha elaborato questa teoria sulla base dello studio delle sacre scritture dopo aver avuto delle particolari visioni in sogno. Secondo quanto riporta Metro, l’uomo avrebbe anche predetto in passato l’ascesa di Trump al potere e adesso si è pronunciato in merito a un conflitto mondiale dalle conseguenze devastanti: «Ho visto sfere di fuoco che cadono dal cielo colpendo la Terra», ha affermato, «Credo che possano essere interpretati come i missili nucleari che distruggeranno il nostro pianeta».

Il veggente ha predetto come data il 13 maggio, ovvero la data che coincide con l’apparizione della Madonna di Fatima: «La genete deve preparasi a quello che sta per accadere, ha poi concluso, «Sicuramente in un periodo di tempo che va dal 13 maggio al 13 ottobre del 2017 scoppierà una guerra che porterà devastazione e morte».

Cosa non si farebbe per una condivisione in più? Come vi mostriamo in questo screenshot tratto da Facebook, la notizia ha avuto un’eco incredibile. Ovviamente, una notizia del genere non può che creare panico tra gli utenti e generare condivisioni. Il titolo è breve e le parole racchiuse da virgolette, un segno ortografico a cui non tutti fanno attenzione, soprattutto in casi come questi. La notizia si basa su dichiarazioni di un indovino. Pertanto, la notizia non sta nel fatto che la guerra mondiale scoppierà il 13 maggio, ma nelle dichiarazioni dell’indovino. Bisogna fare chiarezza, soprattutto con vere e proprie ‘bombe’ mediatiche come questa.

 

E’ vero che lo sciamano di turno abbia espresso tali considerazioni, però, il titolo con cui postare una notizia simile sui social network andrebbe sicuramente rivisto.

 

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: ALLARMISMO