La storia di cui vi stiamo per raccontare è clamorosa, ma vera. Immaginate di essere su una spiaggia abruzzese a godervi il sole, all’improvviso dal mare cominciano a spuntare pacchi contenente della droga. A primo impatto si potrebbe pensare ad una fantasiosa bufala, ma è successo davvero. Di seguito vi riportiamo l’articolo dell’Ansa, fonte attendibile per eccellenza:

Pacchi di marijuana in spiaggia

PESCARA, 16 LUG – Grossi pacchi di droga restituiti dal mare agitato. Succede in Abruzzo, dove diversi involucri sono stati trovati sulle spiagge di Montesilvano (Pescara), Francavilla al mare (Chieti) e Silvi (Teramo). Il quantitativo di stupefacente, al momento, supera i 100 chilogrammi, ma non è escluso il mare possa spingere a riva altri pacchi. A Francavilla sono due gli involucri trovati in zona Sud, a distanza di circa mezzo chilometro l’uno dall’altro. Il primo è stato notato da alcuni carabinieri liberi dal servizio, il secondo dai bagnanti. Complessivamente contengono 70 chilogrammi di marijuana. Il valore, secondo le prime stime, è di circa 350 mila euro. A Montesilvano, nella notte, un vigilantes ha notato un involucro nero ed ha lanciato l’allarme. Dentro c’erano 20 chilogrammi di marijuana e circa tre di hashish. Ritrovamento analogo a Silvi, dove i carabinieri sono intervenuti in spiaggia dopo che i bagnanti hanno segnalato la presenza di un grosso involucro.

In seguito l’edizione online de Il Mattino aggiunge:

Accertamenti in corso. Sui ritrovamenti sono in corso indagini. In base alle prime ipotesi gli involucri potrebbero essere stati attaccati ad una boa per poi essere trasportati altrove, ma l’appiglio, a causa del mare mosso, potrebbe aver ceduto. Altra possibilità è che un’imbarcazione, magari proveniente dall’Est Europa, abbia perso il carico, sempre per il mare agitato.

 

IL RESPONSO DI BUFALE VIRALI: NOTIZIA VERA